Il Pinocchio di Franco Bonsignori

 

 

Ho sempre voluto poter stimolare il prossimo, ragazzi ma anche adulti, a un giusto comportamento corretto, fatto di comprensione e rispetto, ricordando la massima che la libertà di una persona finisce là dove comincia la libertà di un'altra.

E' per questo mio forte desiderio interiore, quasi  un imperativo categorico, che ho messo  in opera la storia di Pinocchio, sempre attuale nonostante il trascorrere del tempo, per dimostrare che santi non si nasce ma si può diventarlo con una vita corretta e trascorsa tentando di non fare mai, consapevolmente, del male agli altri.

Così molto umilmente, tenterò di spiegare il significato di questa mia produzione artistica.

Cominciamo con il personaggio che anche nel "Pinocchio" di Collodi dà il via alla narrazione della storia: Geppetto.

Ovviamente il mio Geppetto è totalmente meccanico, moderno, capace di inserirsi con perfetto agio nel mondo tecnologico attuale.

L'ispirazione di questo personaggio, è scaturita quasi naturalmente, dal mio passato dal lavoro di meccanico che ha occupato gran parte della mia vita e della passione per i mezzi di trasporto, moto di piccola e grande cilindrata soprattutto, ma anche auto. Ragazzo di appena tredici anni, sono andato apprendista aiuto lattoniere e ogni giorno a lavoro battevo le lamiere sull'incudine per dargli la forma dovuta.

Ed ecco... l'inizio della mia storia.

 

 

                                                                        Franco Bonsignori

 

 

 

 

(clicca su "la storia illustrata" per vedere le opere)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

B.ARTE GALLERY

presenta

 

LE TAVOLOZZE

di

FRANCO BONSIGNORI

 

dal 4 al 11 ottobre 2014

 

Livorno

VIA SARDI 33

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

webdesign Andrea Guidarelli